fbpx

La mente ha una grande influenza sul corpo e le malattie spesso hanno la loro origine lì

Studio Medico Dr. Riccardo Marchini

L’integrazione di approcci e tecniche finalizzate al miglioramento della salute fisica ed motiva è l’idea centrale del mio modello di lavoro. Nell’ambito dell’integrazione alla terapia psicologica, la psicoterapia, ovvero il riequilibrio emotivo e cognitivo attraverso l’incontro e confronto dialogico, è certamente il primo e più importante dei metodi. Accanto alla psicoterapia, possono essere utilizzate diverse tecniche che aiutano a ridurre i sintomi ed il disagio che essi comportano. La più dolce ed “olistica” di queste è l’agopuntura.

Si può definire l’agopuntura una terapia di riequilibrio, infatti ha il molteplice effetto di ridurre l’ansia, rilassare i muscoli ed aumentare il tono dell’umore. Tutto questo senza effetti collaterali o controindicazioni. Un anello di congiunzione tra le terapie precedenti e la farmacoterapia è costituito dalla fitoterapia. Molte piante costituiscono un presidio efficace e maneggevole nel trattamento dell’ansia e degli stati di stress o esaurimento emotivo. Il vantaggio dell’uso dei preparati vegetali rispetto al farmaco di sintesi (nelle situazioni di lieve e media gravità, da sole o in appoggio al farmaco) consiste di novo in una ridotta incidenza di effetti collaterali ed una maggior maneggevolezza e spesso piacevolezza nell’assunzione dei rimedi.

L’utilizzo dello psicofarmaco è considerato, nell mia visione, l’ultima risorsa a cui attingere. Questo non significa che sia  da escludere ma piuttosto da utilizzare solo quando indispensabile per il controllo dei sintomi alla luce delle risposte agli altri trattamenti. Anche se l’ambito mentale è la mia mia principale area di interesse, agopuntura, fitoterapia, oligoterapia, omeopatia ed altre tecniche di sostegno al corretto funzionamento dell’organismo possono essere utilizzate in svariate condizioni di patologia o disagio fisico.

Questo approccio definibile come “medicina integrata” si inserisce come punto di forza della medicina preventiva (prevenzione primaria), sia per l’attenzione agli squilibri che preludono allo svilupparsi delle condizioni morbose propriamente dette, sia per la scarsissima o assente tossicità dei suoi strumenti. Inoltre, l’utilizzo dell’agopuntura o della fitoterapia può consentire una riduzione dei dosaggi o dell’utilizzo stesso di altri farmaci meno sopportati dall’organismo per la loro tossicità. Le condizioni che più frequentemente vengono affrontate con la medicina integrata sono:

Sintomatologie dolorose

Dolori articolari acuti e cronici, cefalee, nevralgie, cervicalgie, lombalgie e sciatica.

Disturbi dell’area endocrina e ginecologica

Amemorrea, dismenorrea (dolori mestruali), sindrome premestruale, sindrome del climaterio (vampate di calore e disturbi dell’umore), supporto alla fertilità con preparazione ed accompagnamento nella fecondazione assistita e prostatiti ed iperplasia prostatica

Supporto alle difese nell’organismo

Allergie, sinusiti, prevenzione di patologie infettive ricorrenti, depurazione dell’organismo, riequilibrio psico-fisico, ipertensione, disturbi neuro-vegetativi e acufeni. Integrazione terapeutica durante terapie farmacologiche croniche finalizzata alla riduzione degli effetti collaterali e della tossicità dei farmaci. Controllo dei sintomi durante chemiotarapie antiblastiche